Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile.

— San Francesco d’Assisi

Gesù è un miscuglio di miti e leggende?

Domanda: Gesù non sarebbe altro che una reinterpretazione di altri salvatori che sacrificano la loro vita, come Mitra, Horus e Osiris. Ci sono altre esempi di dei nati da una vergine, che insegnano discipline, fanno miracoli, muoiono per il mondo e alla fine resuscitano. Gesù quindi è solo un copio-incolla di altri miti e leggende; non è mai esistito. Giusto?

Risposta a caldo

Anche la tua vita è simile a quella di tanti altri, solo per questo non sei mai esistito?

Risposta a freddo

Se vi andate a vedere bene i miti citati (certo che lo dovete fare voi, mica posso fare tutto io!), noterete che di caratteristiche comuni ce ne sono ben poche. Non sono nati da vergini allo stesso modo di come Gesù è nato da Maria, non hanno avuto una vita così simile a Cristo, non hanno ricevuto i titoli che sono stati dati a Gesù e nel caso di resurrezioni, non hanno nulla a che fare con quella di Cristo. Se vi prendeste la briga di studiarli, notereste che davvero hanno poco a che fare con la storia del Nazareno.

Inoltre, se guardate meglio in che modo si cerca di ricostruire in toto la figura di Gesù, noterete che per farlo si sono andati a prendere pezzettini di storie e mitologie presi da secoli e regioni di distanza gli uni dagli altri. Con questa strategia, si può ricreare qualsiasi personaggio storico, da Giulio Cesare, a vostra nonna. Per non parlare del povero Vegeta che per salvare il mondo da Majin Bu si è sacrificato per noi, resuscitando però qualche puntata dopo!

Goku porta in braccio Vegeta

Come non notare una somiglianza marcata con “La pietà” di Michelangelo? Il Mistero® si infittisce…

Il fatto poi che in alcune leggende ci fossero effettivamente delle similitudini con Cristo, si spiega capendo che le aspettative di un dio che arriva sulla terra possano essere molto simili indipendentemente dalla cultura di appartenenza. Se si pensa ad un “super-uomo”, lo si immagina fare cose che noi non sappiamo fare (aka miracoli) e avere delle virtù superiori alle nostre. Così nell’immaginario collettivo si può arrivare a sperare qualcosa che poi si avvera sul serio. Un po’ come tutte le volte che avete provato a immaginare l’ultimo prodotto della Apple. Qualche volta non ci siete andati vicini neanche lontanamente, mentre altre volte ci avete preso in pieno… eppure non penso che possiate dire che la Apple vi abbia copiato l’idea (anche perché probabilmente i suoi legali vi toglierebbero anche l’anima ).

Un’altra considerazione da fare è dal punto di vista complottista: Avrebbe avuto senso che una religione nata in seno al giudaismo prendesse spunto da mitologie pagane? Chiunque sa come venivano trattati gli dei pagani dagli ebrei, capisce benissimo che sarebbe stata un’operazione di marketing decisamente fallace. Il cristianesimo per attecchire non poteva che essere in linea con le scritture bibliche. Certo, non ha riscosso il successo dovuto all’inizio, ma solo perché molti giudei aspettavano un salvatore armato che salvasse Israele piuttosto di uno disposto ad essere crocifisso per Amore di tutti. Se fosse stata solo una “favola” (e che non lo è lo spiegherò nell’ultimo punto), come minino sarebbe dovuta essere una favola che rispettasse la tradizione giudaica, ed inserirci influenze di altre culture sarebbe stato darsi la zappa sui piedi. Niente ketchup sui maccheroni, grazie!

L’ultima considerazione la possiamo fare guardando alla storia: Anche se ci fossero molte altre similitudini con miti e leggende varie, questo non cambierebbe l’esistenza di Cristo. Ci sono prove e ritrovamenti storici che dimostrano l’esistenza dei vangeli scritti dopo pochi anni dalla morte di Gesù (es. i ritrovamenti di parti del Vangelo di Marco nelle grotte di Qumram), che descrivono fatti e usanze confermate dagli storici, e divulgati in periodi in cui ancora vivevano persone in grado di confutare l’esistenza e la vita di Cristo. Non si può dire lo stesso delle varie mitologie citate. Della serie che se ti dico che la Roma ha vinto lo scudetto l’altr’anno in un torneo ad eliminazione diretta, direi che di persone pronte a sbugiardarmi troppe ce ne sono (purtroppo ).

Commenti da facebook

Commenti

1 Commento

  1. L’icona del copyright a fianco di “Mistero” nella didascalia dell’immagine è il vero colpo di genio del post. A volta basta davvero poco per demolire certa stampa e televisione e qui ci riesci davvero bene. Bravo!

    Scrivi una risposta

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 + sedici =

Lars Daryawesh

Author: Lars Daryawesh

Cultura cattolica: Ho sempre avuto un approccio razionale alla fede. Più ragionavo sulla vita e sul creato, e più scoprivo che a molte delle mie conclusioni era già arrivata la Chiesa secoli e secoli prima. Inoltre, là dove le nostre conclusioni divergevano, mettendomi in discussione ho felicemente scoperto che alla fine aveva sempre ragione Lei. Ora però ho imparato che la fede non è solo un rapporto di testa, ma anche di cuore e di corpo, e ho potuto constatare con mano e con occhi quanto scommettere su Cristo possa portare ad una migliore consapevolezza di sé e ad un livello più alto di bene da poter donare agli altri. Cultura nerd: Ho iniziato con i videogiochi con l'Amstrad a cassette. Seguita subito dopo dal mio primo amore informatico: L'Amiga 500. Seguirono poi svariati pc, sia con Windows che con Linux (fedora, Debian e poi Ubuntu), fino ad arrivare alla Apple con il suo OSX. Ho inizato a leggere manga alle elementari, con Guyver (di cui ancora non ho visto la fine!), e tempo permettendo sto seguendo delle serie ancora in corso d'opera (Gantz, One piece, Berserk ecc ecc). Adoro gli z-movies e il cinema in generale, soprattutto film demenziali come Hot-Shot o Zoolander. Potrei andare avanti ma penso che questo dovrebbe bastare a darvi un'idea su di me!

Share This Post On
Share This