E Noè diceva spesso a sua moglie, quando si sedeva a tavola: “Non m’importa dove va l’acqua, purché non vada nel vino”.

— Gilbert Chesterton

Inside Out – recensione

Le emozioni prendono vita, e la vita acquista emozione

Perché gli esseri umani possono essere tristi? A cosa diavolo serve la tristezza nella nostra vita?! È una cosa ben strana! Dio non poteva crearci in modo che fossimo sempre felici? Sarebbe stato tutto molto più facile. Ve lo siete mai chiesti? Beh, quelli della Disney-Pixar se lo sono chiesti eccome. E ci hanno pensato su alla grande. E una volta trovata la risposta, ne hanno fatto un film. E questo film si chiama “Inside Out“. E io ve ne consiglio caldamente la visione.

Un film che può piacere a tutti

Non aspettatevi il solito lungometraggio per bambini, perché questa storia, come quasi tutti i film firmati Disney-Pixar, bisbiglia qualcosina anche negli orecchi di noi adulti. Gli stessi autori della storia, a un certo momento, hanno avuto il timore di aver esagerato e non erano sicuri che un pubblico di bambini avrebbe potuto comprendere appieno la vicenda. Ecco le parole di Pete Docter, regista e sceneggiatore del film, tratte da una bellissima intervista:

Riley & family

Uno dei momenti più esilaranti del film: Riley a tavola con la sua famiglia. Ok, da questa immagine pare il contrario!

Attenzione! L’intervista in versione completa contiene spoiler. .

Pete Docter: “In effetti a metà strada della realizzazione abbiamo fatto delle proiezioni di prova perché avevamo il dubbio fosse troppo complicato per dei bambini da comprendere. Non solo i bambini lo hanno compreso ma sono stati anche in grado di spiegarlo meglio di quanto non fossimo stati in grado di farlo noi. Una cosa che mi ha colpito è che un impiegato della Pixar ha portato il figlio a vedere il film e ci ha raccontato che la settimana prima il bambino a lezione di nuoto non riusciva a tuffarsi dal trampolino. Poi lo ha portato a vedere “Inside Out” e il giorno dopo in piscina si è tuffato senza problemi. Il padre gli ha chiesto come hai fatto? E lui ha risposto che ha pensato che fondamentalmente era la paura alla guida quindi l’ho messa da parte..”

Un viaggio nell’interiore

Riley, stupita

Le espressioni facciali di Riley sono volutamente esagerate per esplicare allo spettatore quale delle cinque emozioni in quel preciso momento guida la protagonista

La trama si divincola in un viaggio introspettivo divertente, temerario e molto cauto all’interno della mente umana di Raily, una bambina di undici anni del Minnesota che si trova costretta a traslocare improvvisamente con i genitori a San Francisco abbandonando così i suoi amici, la sua casa e il suo sport preferito, l’hockey. Ho detto “divertente”, perché posso con certezza affermare che vi sono delle battute veramente esilaranti: a qualcuna di esse ha riso di gusto perfino mio marito seduto accanto a me al cinema, e se lui ride guardando un cartone animato, allora vuol dire che quella scena fa davvero ridere. È una garanzia!

Pete Docter: “L’elemento principale attorno al quale ruota tutta la comicità del film è l’autoironia, ovviamente: assistiamo infatti ad una vera e propria parodia del pensiero di Freud…! Ci siamo divertiti molto a leggere Freud, Jung e tutti coloro che anno studiato la psiche umana. È stato difficile ma molto bello capire di più riguardo alle persone, capire come funzioniamo. Visto che nessuno sa come funziona l’essere umano ci sono molto teorie a riguardo. In fin dei conti trattandosi di un film di animazione abbiamo scelto che poteva essere più divertente. Abbiamo fatto ricerche in questo senso e abbiamo cercato di realizzare una versione più pop di Jung.”

Inside Out, logo

Il cervello umano viene trasformato in una grande azienda completa di operai che gestiscono la memoria a breve e a lungo termine; addirittura vi troviamo un’industria cinematografica di tutto rispetto per la fabbricazione dei sogni. Nella “Sala Comandi” principale della psiche troviamo cinque personaggini che ne combinano di tutti i colori: sono la rappresentazione umanizzata di Gioia, Tristezza, Paura, Disgusto e Rabbia, ovvero le principali emozioni che sperimentiamo e che condizionano le nostre scelte nella vita. Nel corso della storia, Gioia e Tristezza si ritroveranno a dover collaborare insieme prendendosi per mano per affrontare un viaggio abbastanza insidioso, ma parecchio formativo per entrambe. Poi ci sono le varie “isole” della Fantasia, del Pensiero Astratto, delle Paure Profonde… e via discorrendo. A dire il vero, forse avrebbero potuto far durare un po’ di più il film e approfondire meglio i meccanismi di queste aree e personaggi costruiti in maniera geniale, immaginosa e azzeccatissima. Il secondo aggettivo che ho utilizzato per la trama è “temerario”, perché ritengo che la scelta di una storia del genere sia piuttosto audace. Esaminare ciò che accade dentro di noi ci tocca profondamente, ci colpisce. È un argomento assai delicato e va affrontato con cautela. Paura, rabbia, disgusto, gioia e tristezza.

mamma di Andy

La somiglianza tra la mamma di Andy e Riley… è innegabile!

Sono emozioni che tutti noi abbiamo provato e proviamo continuamente nel corso della nostra vita, quindi ci aspettiamo di ritrovarle proiettate sullo schermo esattamente come ce le immaginiamo. Certo, ci sono stati anche dei commenti negativi su questo film: alcuni affermano che “la trama non è originale” (???), altri asseriscono che “non è abbastanza divertente” (perché, c’era forse un livello di comicità da raggiungere obbligatoriamente?), altri ancora abbassano il pollice dicendo che “è per bambini” (ma tesori miei, è della DISNEY!). E sono già partiti per la tangente i numerosi viaggi mentali nella mente dei fan più sfegatati: alcuni addirittura pensano che Riley sia la mamma di Andy in “Toy Story – Il mondo dei giocattoli” (effettivamente c’è una certa somiglianza, e il regista dei due film è lo stesso).

Riley, versione Oki

Per chi è già stato al cinema: non so se ci avete badato ma in tutto il film l’hockey viene pronunciato “oki”! Sembra quasi che il noto medicinale antinfiammatorio sia diventato una categoria olimpionica…

Conclusione

Non vi svelerò la morale finale della storia (che risponde alla domanda iniziale di questa recensione: “a che serve la tristezza?”), perché è meraviglioso e soprattutto commovente scoprirlo personalmente guardando il film. Concludo dicendo due parole sul corto Pixar “Lava”, che precede la proiezione di “Inside Out” sul maxischermo. Non mi è piaciuto molto, perché la trama è fondamentalmente inconsistente e la morale (“prima o poi l’amore arriva per tutti”) è banale. Dal punto di vista artistico però è interessante, perché innanzitutto colpisce molto l’inusuale staticità dei personaggi (due vulcani non possono muoversi più di tanto!), poi l’inaspettata canzoncina di sottofondo è veramente orecchiabile, basta ascoltarla una volta per non scordarla mai più. Inoltre la grafica, inutile dirlo, è spettacolare. Peccato solo per una cosa: in italiano è difficile cogliere il gioco di parole di “lava” e “love”…
Vorrei rivedere più e più volte “Inside Out”, vorrei coglierne tutte le sfumature e soprattutto le citazioni. Vorrei parlarvene ancora a lungo, ma ho paura di spoilerare troppo (non so se si era capito, ma io detesto gli spoiler!), quindi dirò solo questo: è un film che non delude, e se lo guardate con occhi attenti, potrebbe capovolgere le vostre prospettive.
Vi ringrazio per la lettura; buone emozioni!

Commenti da facebook

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 + sedici =

Francine

Author: Francine

Cultura cattolica: Sono cristiana perché ho conosciuto l'Amore di Dio. Sono nata per vivere, e morirò per vivere ancora! Cultura nerd: sono cresciuta a pane e videogiochi. Leggo Topolino da quando ero ancora solo nei progetti di Dio... e ADORO tutto ciò che esce dalla miniera Disney o Studio Ghibli. Cerco sempre di trovare un significato cristiano ad ogni cartone animato che guardo (e ne guardo molti, forse troppi!). Classe: Cinofila

Share This Post On
Share This