Non andartene docile in quella buona notte.
Infuriati, infuriati contro il morire della luce.

— Dylan Thomas

Firenze 2015: Abitare come Dorothy

cristo-umanesimo-abitare

Il terzo verbo del Convegno Ecclesiale Nazionale Firenze 2015 arriva, logicamente, dopo uscire e annunciare. Come si fa ad andare ad abitare con qualcuno se prima non si “abbandona la propria casa” e non ci si è presentati per farsi conoscere?
Con il verbo abitare si scopre poi la parola “ospite“, che è davvero molto interessante. Ospite infatti non si riferisce solo all’invitato, ma anche a colui che accoglie l’altro dentro la sua casa. Se di primo acchito può sembrare un errore della nostra lingua, al contrario nasconde una saggezza profonda. Quando si abita insieme, non importa di chi è la casa, è compito di ognuno trovare la sintonia per far sì che l’altro possa stare bene. Quando si abita la stessa casa, diventiamo ospite l’uno dell’atro. L’invito che ci viene proposto è forse proprio questo: al di là dei ruoli quello che conta è il bene comune.
E per raggiungere il Bene comune, come ricorda il verbo Annunciare, dobbiamo puntare all’essenza della relazione. Spesso invece, come Marta (Lc10,38-42), ci occupiamo più delle faccende di casa o dell’etichetta che dell’ospite di cui dovremmo prenderci cura.

Dorothy: “Nessun posto è bello come casa mia.”

Dorothy era una bambina che sognava di scappare via, e come a volte capita, i desideri sbagliati si rivelano tali solo quando si sono avverati. Ma nel viaggio che intraprenderà nel fantastico mondo del Mago di Oz, alla disperata ricerca di tornare a casa propria, incontrerà tre personaggi a cui cambierà – e che le cambieranno – la vita. Questa crescita avverrà perché ognuno di loro entrerà nella storia dell’altro, arrivando a stare là dove le loro paure, le loro ferite e i loro bisogni chiedono a gran voce che qualcuno li accolga. L’empatia che mostreranno l’un l’altro andrà ben oltre i facili consigli o il mero aiuto. Perché abitare, prima di ogni altra cosa, vuol dire entrare in relazione, abbattendo i muri e “costruendo ponti”.
E come Dorothy abiterà pienamente la sua casa nel Kansas, così noi siamo invitati, partendo da Firenze, ad abitare la società italiana come Chiesa.

Lo Spaventapasseri alla ricerca di un cervello, il Leone alla ricerca del coraggio e l’Uomo di Latta alla ricerca del cuore, possono ricordarci le tre virtù teologali: Fede, Speranza e Carità. Grazie a queste virtù donate dallo Spirito Santo abitare la vita del prossimo diventa il luogo dove possiamo incontrare sinceramente Cristo. E se davvero non c’è posto più bello di casa nostra, non ci sta forse suggerendo Dio che dovremmo considerare la vita del nostro prossimo come casa nostra? Andiamo ad abitare quindi, e rendiamo ogni casa il posto caldo e accogliente in cui vorremmo vivere anche noi.

Commenti da facebook

Commenti

1 Commento

  1. Un’ottima osservazione, non avevo mai immaginato il Mago di Oz con questa interpretazione.

    Scrivi una risposta

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − cinque =

Lars Daryawesh

Author: Lars Daryawesh

Cultura cattolica: Ho sempre avuto un approccio razionale alla fede. Più ragionavo sulla vita e sul creato, e più scoprivo che a molte delle mie conclusioni era già arrivata la Chiesa secoli e secoli prima. Inoltre, là dove le nostre conclusioni divergevano, mettendomi in discussione ho felicemente scoperto che alla fine aveva sempre ragione Lei. Ora però ho imparato che la fede non è solo un rapporto di testa, ma anche di cuore e di corpo, e ho potuto constatare con mano e con occhi quanto scommettere su Cristo possa portare ad una migliore consapevolezza di sé e ad un livello più alto di bene da poter donare agli altri. Cultura nerd: Ho iniziato con i videogiochi con l'Amstrad a cassette. Seguita subito dopo dal mio primo amore informatico: L'Amiga 500. Seguirono poi svariati pc, sia con Windows che con Linux (fedora, Debian e poi Ubuntu), fino ad arrivare alla Apple con il suo OSX. Ho inizato a leggere manga alle elementari, con Guyver (di cui ancora non ho visto la fine!), e tempo permettendo sto seguendo delle serie ancora in corso d'opera (Gantz, One piece, Berserk ecc ecc). Adoro gli z-movies e il cinema in generale, soprattutto film demenziali come Hot-Shot o Zoolander. Potrei andare avanti ma penso che questo dovrebbe bastare a darvi un'idea su di me!

Share This Post On
Share This