Senza verità, la carità scivola nel sentimentalismo. L’amore diventa un guscio vuoto, da riempire arbitrariamente. È il fatale rischio dell’amore in una cultura senza verità. Esso è preda delle emozioni e delle opinioni contingenti dei soggetti, una parola abusata e distorta, fino a significare il contrario…

— Papa Benedetto XVI

Hai qualche evento da suggerirci? Annunziacelo! :D

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Il Destino di Frankenstein. Tra mito letterario e utopie scientifiche

7 Novembre 2015 ore 18:30

Gratis

Sabato 7 novembre ore 18.30 al Roma Room Hotel Via Morgagni 41 Fermata metro B Policlinico.

Gli Amici del Granaio tornano vi invitano a un appuntamento tra mito, etica, letteratura e scienza. Il libro “Il DESTINO DI FRANKENSTEIN” sarà presentato con la partecipazione straordinaria dei due autori Paolo Gulisano e Annunziata Antonazzo.

Il destino di Frankenstein. Tra mito letterario e utopie scientifiche” (Ancora Editore).

Alla scoperta di Frankenstein, il romanzo di Mary Shelley pubblicato duecento anni fa che ha influenzato la letteratura e il cinema, e continua ad interrogarci sul potere e i limiti della scienza.

Mary Godwin Shelley duecento anni fa diede alle stampe un romanzo destinato a diventare una delle opere letterarie più singolari della Modernità: Frankenstein, il cui sottotitolo, Il moderno Prometeo, ne faceva intravedere la grande portata, gli echi delle grandi opere che lo avevano influenzato, le suggestioni delle nuove scoperte nel campo della scienza e quella componente gotico-romantica che solo in un animo sensibile e appassionato poteva sintetizzare la pienezza del sublime.

Mary visse in un periodo di grandi rivolgimenti, storici, sociali e soprattutto scientifici. Un periodo dove già iniziava un dibattito etico derivato dalle nuove straordinarie scoperte che avevano suscitato molte domande sui confini tra la vita e la morte e il potere su di essi degli scienziati. Mary scelse di raccontare questi dubbi e queste angosce in un romanzo che diverrà il capostipite del genere fantastico-gotico, nonché della narrativa di fantascienza.

A duecento anni dalla pubblicazione tuttavia, le questioni di tipo scientifico ed etico sollevate da Frankenstein sembrano diventare sempre più attuali e urgenti: è possibile disporre totalmente della vita umana? Quali sono i limiti degli interventi delle tecnologie biomediche? Rileggendo il romanzo di Mary Shelley con lo sguardo rivolto agli scenari contemporanei, emerge una realtà molto inquietante: c’è qualcuno che si diverte a giocare a fare Dio.

Esplorando Frankenstein, i suoi temi, la questione del«playing God», il giocare a «fare Dio», nonché ripercorrendo la vita della sua autrice, aggirandoci tra critica letteraria e filosofia, tra narrativa dell’immaginario e bioetica, non mancheranno le sorprese.
Ebbri delle nuove scoperte, i nuovi prometei esigono di spiegare tutto ciò che è umano con la chimica, l’anatomia, la psicologia, analizzando geni, neuroni, ormoni e coscienze. L’uomo non racchiuderà più alcun mistero. Non si tratterà più di conoscerlo, ma di ricostruirlo: ovvero di inventarlo o reinventarlo.

Fonte: Il Granaio di Santa Prassede

Commenti da facebook

Commenti

Dettagli

Data:
7 Novembre 2015
Ora:
18:30
Prezzo:
Gratis
Categorie Evento:
,
Tag Evento:
, , ,

Luogo

Roma Room Hotel
via morgagni 41
Roma,
+ Google Maps

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 + 3 =

Se ti è venuto in mente qualche evento interessante… Comunicacelo!

Share This